Dicono della Valle Maggia che sia uno dei posti più belli al mondo.
Orientata da nord a sud, racchiude il meraviglioso territorio naturale che si sviluppa dal cuore delle Alpi Svizzere fino a toccare quasi le sponde del Lago Maggiore.

Una rete di centinaia di chilometri di sentieri offre innumerevoli possibilità per escursioni, trekking, arrampicata, mountain biking e numerose altre attività all’aria aperta.

La parte bassa della valle (tra Ponte Brolla e Bignasco) si presta ottimamente per facili escursioni sul fondovalle con tutta la famiglia, per una gita in bicicletta, per l’arrampicata nella palestra rocciosa naturale di Ponte Brolla-Avegno o semplicemente per una giornata all’insegna del relax trascorsa in riva al fiume o in uno dei caratteristici grotti.

A Cevio si trova un interessante museo storico e Bignasco dispone di una bella piscina che saprà entusiasmare anche i più piccoli.

Chi volesse avventurarsi più in alto e scoprire uno dei tanti gioielli nascosti nelle valli laterali, può utilizzare la Ca’ Stella come ideale punto di partenza. Infatti la nostra struttura si trova nel centro di tre magnifiche valli laterali: la Valle Lavizzara, la Valle Bavona e la Valle Rovana.

Vi consigliamo di visitare una sola di queste tre valli al giorno, onde avere sufficiente tempo per apprezzarne con calma tutta la bellezza e minimizzare gli spostamenti in automobile o autobus pubblico - spostamenti che avvengono su strade buone e sicure, ma comunque di montagna.

Cà Stella dispone di 3 biciclette che possono essere prese in prestito per una gita nella zona.

Valle Bavona

Da Bignasco si sale la valle soltanto fino al prossimo villaggio - Cavergno - dove si prende l’imbocco per la Valle Bavona. ‘E possibile risalire comodamente tutta la valle anche a piedi, passando per diversi villaggi caratteristici e ammirando gli impressionanti massi erratici sparsi su tutto il fondovalle. A metà valle si incontra il villaggio di Foroglio, dove si può ammirare una cascata che lascia con il fiato sospeso. In fondo alla valle, a San Carlo è invece possibile risalire spettacolarmente in funivia (o a piedi) verso Robiei, partenza per innumerevoli trekking, tra cui un’escursione circolare sul sentiero glaciologico oppure - per i più esperti - l’ascesa al ghiacciaio e alla vetta del Pizzo Basodino.

Valle Lavizzara

Risalendo la valle da Bignasco si incontra il villaggio di Brontallo, un villaggio tipico caratterizzato da bellissime costruzioni in legno e pietra naturale (interessante sentiero didattico). Andando oltre si giunge a Peccia e la Valle di Peccia, famosi per il loro marmo, bianchissimo e meraviglioso, dove si può visitare la locale scuola di scultura. Mogno è un piccolo villaggio di montagna distrutto qualche decennio fa da una valanga. Nell’ambito della sua ricostruzione l’architetto di fama mondiale Mario Botta ha ricostruito la chiesa del villaggio in chiave moderna, creando un luogo che impressiona per la sua luminosa sacralità. Il villaggio di Fusio, situato in cima alla valle, è invece punto di partenza per visitare le maestose dighe per la produzione di energia idroelettrica e per inoltrarsi in un paesaggio alpino spettacolare. ‘E qui che gli appassionati della montagna troveranno un vero eldorado per escursioni di varia difficoltà.

Valle Rovana

Da Bignasco si scende la valle fino al prossimo villaggio - Cevio - dove si imbocca sulla destra la via per la Valle Rovana. Risalendo per una tortuosa strada di montagna si raggiunge il villaggio di Linescio, dove è possibile ammirare gli storici terrazzamenti racchiusi da stupendi muri a secco. La gita diventa via via più panoramica fino a raggiungere Cerentino, centro agricolo della valle dove questa si divide in due: una strada porta al bellissimo villaggio Walser di Bosco Gurin, dove in inverno è possibile divertirsi con gli sci o con lo snowboard in un ambiente fiabesco; l’altra strada porta ai villaggi di Campo Vallemaggia e Cimalmotto, punti di partenza per passeggiate di varia difficoltà in un contesto assolutamente idilliaco.

/